Da non perdere

17 maggio 2012 alle 6:01 pm | Pubblicato su Comunicazioni di servizio, Illuminotecnica | 5 commenti
Tag: , , , ,

I

n questi ultimi tempi, lo ammetto, sono stato un po’ assente.
Ma l’assenza dal blog è stata compensata con la mia presenza altrove. Innanzitutto vi segnalo il numero di aprile di Luce & Design in cui ho parlato di alcuni progetti che sto portando avanti per Hera Luce e, a parte la mia simpaticissima sagoma situata fra Dante Cariboni e Massimo Villa, vale la pena leggerlo perché sono intervenuti fra gli altri personaggi del calibro di Roger Narboni, Susanna Antico e Pietro Palladino.
Non perdete neppure il prossimo numero (o addirittura abbonatevi – così facciamo una marchetta a Villa -) perché sarò presente con un articolo incisivo quanto mio malgrado sintetico sull’illuminazione LED stradale.

Ancora più importante è il corso in risparmio energetico nell’illuminazione organizzato dalla Regione Lombardia e dal dipartimento INDACO del Politecnico di Milano, in collaborazione con il Politecnico di Milano, ENEA, Green Building Council Italia, Hera Luce, Philips, in cui parteciperò come relatore il 5 giugno con la dissertazione dal lunghissimo titolo (beh … conoscendomi, non poteva essere altrimenti) “Proposta di un modello omogeneo di valutazione di soluzioni alternative trasversale rispetto alla tecnologia e alla nomenclatura propria dei costruttori: indice di efficienza energetica degli impianti di illuminazione pubblica”. Spero che parteciperete numerosi, perché il corso è molto bello (o almeno, questo è quello che mi ha detto Danilo Paleari).

Come potete vedere, non me ne sono stato con le mani in mano. Anzi, ci sono novità ancora più importanti e ancora più eclatanti che ora non vi posso svelare.
Rimanete connessi.

S.V.B.E.E.Q.V.

Matteo Seraceni

“Mi raccomando: questa volta cattivi, eh?”


About these ads

5 commenti »

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

  1. In merito al corso del 5, 6 giugno 2012 (16 ore), ormai molte persone non ritengono più valido partecipare a convegni/corsi a pagamento ove gli studenti (soprattutto) sono sfruttati per apprendere le solite lodi per il LED prive di fondamento matematico in merito ad un fantasmagorico risparmio ed efficienza energetica elettrica che non è probante perché, volutamente non si misura e non si riscontra. Appare evidente che per lucrare sulle spalle degli studenti, per molto tempo ancora, sarà tenuto occultato il vero problema del LED in merito al rapporto lm/Watt, dove lm=prodotto e Watt=costo di produzione. Questi due diagrammi del LED (flusso luminoso emesso ed energia assorbita) non sono allineati ma divergenti nel lungo decadente esercizio. Era proprio Paolo Soardo, che nel 2006 scriveva: “““( Possiamo conoscere tutto dell’oggetto di cui stiamo parlando solo quando si effettuano calcoli preventivi e misure reali al fine di descriverlo mediante numeri. In caso contrario la nostra conoscenza non è soddisfacente. (Lord Kelvin, 1883 )”””.
    Nulla in contrario, invece, per quanto riguarda gli altri studi del risparmio energetico statico per gli ambienti in cui dobbiamo vivere.

  2. Su Matteo, riprendiamo questo blog in mano! :)

    • Volevo vedere se poteva andare avanti da solo…

      • Tipo una pallina che rotola giù per una discesa? :-)

        • Più che una pallina, mi sarebbe piaciuto il masso di Indiana Jones!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com. | The Pool Theme.
Voci e commenti feeds.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 124 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: